Fincantieri, l’acquisizione di Stx France sotto la lente dell’Antitrust Ue:

Fincantieri, l’acquisizione di Stx France sotto la lente dell’Antitrust Ue: "Potrebbe…"

Bruto Chiappetta
Gennaio 12, 2019

Passano poche ore dalla notizia che il premier Giuseppe Conte, ospite di Porta a Porta, rilascia una dichiarazione molto misurata: "Francamente la decisione dell'Antitrust Ue ha sorpreso anche a me".

In realtà la Commissione UE non deve esaminare l'operazione di acquisizione in quanto come la stessa Commissione scrive: "il progetto non raggiunge le soglie di fatturato previste dal regolamento UE relativamente alle concentrazioni per le operazioni che devono essere notificate alla Commissione a causa della loro dimensione europea". Secondo la Commissione "l'operazione rischia di nuocere alla concorrenza a livello europeo e mondiale".

Infatti, come si legge in una nota della stessa Commissione: "La Francia ha presentato alla Commissione una domanda di rinvio a norma dell'articolo 22, paragrafo 1, del regolamento Ue sulle concentrazioni".

"Tale disposizione - si legge nel comunicato - permette a uno o più Stati membri di chiedere alla Commissione di esaminare una concentrazione che pur non rivestendo una dimensione europea incide sugli scambi all'interno del mercato unico e rischia di incidere in misura significativa sulla concorrenza nei territori degli Stati membri che presentano la richiesta". La Francia nega che la sua denuncia rappresenti una ritorsione politica dopo il sostegno di Luigi Di Maio ai gilet gialli. La Germania si è associata alla richiesta di rinvio trasmessa dalla Francia.

Nel giorno del contratto per due nuove navi da crociera per un valore di oltre un miliardo di euro, su Fincantieri arriva da Bruxelles una tegola che mette a rischio l'acquisizione dei cantieri francesi di Stx da parte del colosso navalmeccanico italiano. Ad affermarlo il segretario generale della Uilm di Genova, Antonio Apa, commentando l'avvio dell'esame da parte della Commissione europea del dossier sull'acquisizione di Stx da parte di Fincantieri.

Per questo motivo ha deciso di esaminare l'operazione nella sua interezza allo scopo di valutarne i potenziali effetti sul mercato. "Tuttavia, ci auguriamo che quello della Commissione sia solo un atto dovuto, ci aspettiamo alla fine del percorso un giudizio positivo che incoraggi la fusione e non la ostacoli", conclude.

Roma, 9 gen. (AdnKronos) - "Non penso che il ricorso dei Governi di Francia e Germania, possa mettere in discussione l'accordo raggiunto il 27 febbraio dello scorso anno".