Spagna, voto choc in Andalusia: crollano i socialisti, vola l'estrema destra

Spagna, voto choc in Andalusia: crollano i socialisti, vola l'estrema destra

Prospera Giambalvo
Dicembre 4, 2018

Per i Socialisti Spagnoli l'Andalusia è stata grossomodo ciò che Milano rappresentava per i Socialisti e l'Emilia per i comunisti, quarant'anni di dominio ininterrotto, la regione del Sud che ha dato i natali ai grandi leader del Psoe (Felipe Gonzalez in testa) un modello di buongoverno che non ha retto alle ondate degli scandali che hanno logorato il partito locale né all'ondata della destra nazionale che si è accesa in particolare dopo i fatti catalani. Per il Partito socialista (Psoe), che ha governato ininterrottamente l'Andalusia negli ultimi 36 anni, e' stato il peggior risultato di sempre nella regione: ha perso 14 deputati, conquistando 33 seggi.

Il Partito popolare ha ottenuto invece 26 deputati.

All'interno di questo schieramento, il Partito Popolare ha resistito all'avanzata di Ciudadanos, che puntava a diventare il primo partito di destra in Andalusia. Drastico calo anche per il Partito popolare che ottiene il 20,75% dei voti (26,76% nel 2015) e 26 seggi, mentre il partito di centro-destra Ciudadanos balza in avanti dal 9,28 al 18,26%, passando da 9 a 21 seggi.

Dopo la sconfitta del partito socialista, i popolari hanno chiesto elezioni anticipate in tutta la Spagna.

E' un marginale partito dello schieramento della destra estrema, VOX, a entrare così per la prima volta in un Parlamento spagnolo.

"Le mie sincere e calorose felicitazioni ai nostri amici di Vox che questa sera in Spagna ottengono un risultato molto significativo per un movimento giovane e dinamico", ha scritto Marine Le Pen. Ma subito franchisti puri, falangisti e carlisti tornarono a litigare tra di loro, la fragile coalizione si ruppe e, da allora, la destra radicale sparì dal panorama politico spagnolo. Un obiettivo che lo stesso leader si era augurato durante la campagna elettorale.

Fondato nel 2014, Vox è noto come forza di estrema destra populista, anti-immigrazione e anti-Islam.

A differenza di molti altri partiti, sostiene l'appartenenza della Spagna all'Unione europea e si propone di "rendere grande la Spagna".