Aurora Ramazzotti si confessa:

Aurora Ramazzotti si confessa: "La mia prima volta? Al compleanno di mamma"

Quintino Maisto
Novembre 10, 2018

A rivelarlo, in un'intervista a Fanpage, è Aurora Ramazzotti, figlia di Eros Ramazzotti e Michelle Hunziker. "Avevo 18 anni ed è stato il giorno del compleanno di mia madre". Aurora Ramazzotti svela dettagli della sua vita privata e non ha paura a farlo. " la scorsa estate e sulla sua bravura, solarità e spensieratezza non ci sono proprio dubbi".

Aurora Ramazzotti racconta la sua "prima volta" avvenuta in un giorno molto particolare. Durante l'intervista le sono state date tre buste: una verde, una gialla e una rossa, le quali contenevano domande in ordine di difficoltà.

Fidanzata da un anno con Goffredo Cerza, che definisce il suo "grande amore", Aurora Ramazzotti ricorda in un'intervista su Fanpage la sua prima volta. "Non lo dimenticherò mai!".

Leggi anche - Michelle Hunziker e Aurora Ramazzotti: "Litigavamo sempre, volevo solo bere..." Così, Aurora Ramazzotti e Michelle Hunziker si abbracciano e la figlia della soubrette si lascia scappare lo spoiler: "Avevo pensato: 'E adesso chi lo conduce Sanremo?". Era tutto pianificato, anche se non voglio entrare troppo nei dettagli, era molto presente. "Io e mia madre abbiamo sempre avuto un buon rapporto, non ci sono mai stati filtri tra noi". È stato il suo primo tatuaggio, fatto in vacanza a Formentera - ecco il perché della "F" - pagando con i primi soldi guadagnati autonomamente. Un'esperienza quasi comune a tutti i pre adolescenti se non fosse che nel bagno c'era un'altra coppia: "Mi vergogno a dirlo, ma in quel periodo mi piaceva limonare in gruppo... Pazienza, almeno sono marchiata a vita". Un argomento ricorrente è infatti quello di essere raccomandata: "Di critiche ne ricevo tantissime. Ci stavamo baciando in bagno e proprio in quel momento è arrivato mio padre che ci ha beccato". Poi quando i miei genitori si sono separati, aspettavo che mio padre mi venisse a prendere; lui mi dava appuntamento ma poiché l'alcol purtroppo ti annebbia tutto, si dimenticava.