Flat tax, le partite IVA guadagnano più dei dipendenti

Flat tax, le partite IVA guadagnano più dei dipendenti

Bruto Chiappetta
Novembre 4, 2018

Chi sceglie di lavorare aprendo una partita Iva, infatti, secondo i calcoli di Eutekne, potrà contare a fine mese su un introito in media superiore di oltre il 30% rispetto a un dipendente e sottoposto a tassazione ordinaria.

La Flat Tax sta prendendo forma, la Lega sta muovendo i primi passi per l'approvazione dello strumento economico che farà risparmiare alle partite Iva il 30% annuo sulle Tasse. La manovra licenziata dal governo punta ad introdurre nel 2019 un'aliquota fissa del 15% per i lavoratori autonomi che dichiarano fino a 65mila euro annui e, a decorrere dal 2020, un'aliquota del 20% per le partite Iva aventi un giro d'affari compreso tra 65mila e 100mila euro. Gli autonomi, così facendo, avranno a disposizione fino a 1.000 euro in più al mese rispetto ai lavoratori dipendenti. I vantaggi per gli autonomi sono praticamente ad ogni livello di reddito tra i 15 mila e i 100 mila euro. A 20 mila euro, un autonomo prenderebbe il 9,75% in più di un dipendente. "Nel caso di 50mila, invece, il vantaggio sarebbe del 26,46% per poi salire al 30,44% con un giro d'affari annuo di 60mila euro e al 33% per un autonomo con una retribuzione lorda annua di 70mila euro", spiega Eutekne. Questo divieto si applica a chi nei due anni precedenti l'entrata in vigore della legge di bilancio ha percepito redditi da lavoro dipendente.