Fatturazione elettronica. Confcommercio incontra gli operatori sul territorio

Fatturazione elettronica. Confcommercio incontra gli operatori sul territorio

Bruto Chiappetta
Novembre 4, 2018

Durante l'incontro si è specificato i soggetti in regime forfettario o ex regime minimi, come gli enti non profit non dotati di partita IVA risultano esclusi da questo obbligo che riguarda tutte le operazioni di cessione di beni e prestazioni di servizi che nella loro totalità abbraccia una platea di soggetti che si aggira attorno al milione. Addio quindi a carta e penna, moduli prestampati, editor testuali o fogli di calcolo, con programmi di fatturazione e gestionali più o meno avanzati."Il Governo ha chiarito che non ci sarà nessuna possibilità di proroga - commenta Antonio Matzutzi, Presidente di Confartigianato Imprese Sardegna - e questa nuova situazione andrà a impattare pesantemente sulla vita delle piccole e medie imprese e dei professionisti, anche a causa della scarsa padronanza digitale di molti imprenditori". Il software, l'Xml (eXtensible Markup Language), è un sistema di interscambio che funziona da snodo tra gli interessati e ha il compito di verificare la correttezza dei dati e del contenuto, ai fini dei controlli previsti per legge.

Confesercenti ricorda che dal 1° gennaio 2019 scatterà l'obbligo di fatturazione elettronica per tutte le operazioni economiche tra privati, persone fisiche e giuridiche. Un cambiamento epocale che va gestito con consapevolezza e conoscenza degli strumenti che la tecnologia mette a disposizione. Ezio Dal Rì (CNA-SHV Bolzano) che prenderà parola sul tema "La CNA-SHV supporta le imprese". Se invece la fattura elettronica viene emessa verso le Pubbliche Amministrazioni, allora le regole che restano valide sono quelle che sono riportate nel Decreto Ministeriale numero 55/2013.

Auditorium pieno ieri sera all'incontro "La Fatturazione elettronica: contenuti, modalità, adempimenti" organizzato da Confartigianato Imprese Piemonte Orientale.

Si tratta di una vera e propria rivoluzione in materia fiscale e per affrontarla al meglio è necessaria l'acquisizione di una cultura sempre più digitale.