Matteo Salvini e Marine Le Pen insieme contro

Matteo Salvini e Marine Le Pen insieme contro "i nemici dell'Europa"

Prospera Giambalvo
Ottobre 11, 2018

Pensando alle elezioni europee di maggio, per il rinnovo della Commissione e del Parlamento europeo, Salvini e Le Pen creano quindi un fronte unico. "A maggio - ha aggiunto - avremo finalmente qualcuno a Bruxelles che aiuta". Prima la super-leader era Marine e Matteo, con una Lega ridotta al lumicino, si avviava (era il 2014) a Parigi sperando di strappare qualche attenzione dalla Le Pen. "Ora la Ue si oppone al potere dei popoli e lo fa attraverso minacce e ricatti non giustificati visti i risultati catastrofici". "E' una lotta che portiamo avanti con Matteo Salvini convinti della necessità di un'alternanza in Europa".

"Con Le Pen condivido l'idea di Europa, di agricoltura, del lavoro e della lotta all'immigrazione".

"Stiamo raccogliendo l'eredità à di una certa sinistra che ha perduto i suoi valori, nelle sedi del pd e della sinistra francese, entrano più banchieri che operai". A nome del governo dico che non toneremo indietro.

I conservatori europei sono spaccati oggi sul sostegno all'Ungheria, governato dal partito di Viktor Orban, la Fidesz, che fa parte del partito popolare europeo.

"I cittadini votano al di là dei titoli dei giornali e dello spread".

"Bannon ha suggerito di creare una fondazione per offrire studi, sondaggi e analisi ai sovranisti europei", ha detto, "ma saremo soltanto noi a strutturare la forza politica che punta a salvare l'Europa, che sia ben chiaro".

Ma tutti sono ipercritici contro l'Unione e soprattutto contro i princìpi che le hanno dato vita. Quest'ultima ha fissato poi l'obiettivo di scalzare l'alleanza tra centrodestra e centrosinistra: "Bisogna sostituire l'alleanza Ppe-Pse per introdurre un nostro progetto che vuole radicalmente cambiare il volto di un'Europa che è in difficoltà. Siamo contro l'Ue ma non contro l'Europa, anzi vogliamo salvarla l'Europa". Quello tra loro due non è un incontro elettorale, ci tiene a precisare, "lavoriamo insieme ad un progetto comune di Europa e futuro da anni". Anche se non una lista unica europea, come assicura Le Pen. Matteo Salvini parla di "rivoluzione del buon senso". E così, una parte importante del governo italiano, la Lega quella che i sondaggi dicono essere ormai maggioritaria, arruola la signora Le Pen, forse come mentore per il nuovo messaggio neoautoritario che sta per invadere pericolosamente l'Europa.