F1, Briatore:

F1, Briatore: "Vettel pensa solo a vincere le gare"

Minervino Buccola
Ottobre 11, 2018

E le cose sembravano essersi messe bene anche per il Mondiale: la Ferrari arrivava da un buon inizio di stagione e dalla vittoria di Sebastian Vettel in Belgio, che aveva avvicinato il pilota tedesco alla prima posizione nella classifica piloti occupata dall'inglese della Mercedes Lewis Hamilton. Al termine delle qualifiche, il team principal della Ferrari Maurizio Arrivabene ha detto di essere molto arrabbiato per quello che era successo e ha parlato dell'episodio definendolo un "errore inaccettabile".

Daily Telegraph: "È stato il settimo errore di una stagione incostante che si è disfatta dopo la pausa estiva".

Briatore ha criticato in maniera decisa il pilota della Ferrari. Un ritmo che, se replicato, in varie combinazioni, anche nella prossima gara, gli permetterebbe di laurearsi già in Texas campione del mondo per la quinta volta, con 3 gare d'anticipo, come accaduto nel 2015.

"Se vuoi conquistare dei campionati, puntare solo a vincere le gare non funziona, bisogna anche accontentarsi di secondi e terzi posti", è la ricetta di Briatore, che poi concentra l'attenzione anche sulla scuderia di Maranello e sui frequenti errori di strategia. "L'importante è rimanere in pista".

"Credo che i media debbano mostrare un po' più di rispetto per Sebastian - ha scritto il britannico su Instagram - Semplicemente non potete immaginare quanto duro sia fare quello che facciamo al nostro livello, per ogni atleta al top è così".

"L'incidente di Vettel a Monza non ha senso, onestamente". La Ferrari nelle ultime 3-4 gare ha compiuto errori di strategia che è difficile da comprendere, ci sono campionati che vinci, gestendoli.

Al quotidiano tedesco Bild, Hakkinen ha ribadito gli ultimi errori di Vettel sono imputabili al rischio di voler recuperare a tutti i costi il gap da Hamilton: "Chi non guida a tutta velocità, non vincerà mai nulla".

Nell'ultimo appuntamento in Giappone, il leader del campionato mondiale ha ottenuto la sua nona vittoria stagionale mentre Vettel, arrivato sesto dopo un contatto con Max Verstappen, ha di fatto perso la possibilità di lottare per il titolo (Hamilton campione ad Austin se...). Quando vuoi vincere il titolo, è qualcosa di incredibile, ti distrugge mentalmente, ma devi prenderlo passo dopo passo. "È una battaglia psicologica, una vera e propria una guerra da dover gestire".