Pace fiscale: dettagli, circostanze e beneficiari!

Pace fiscale: dettagli, circostanze e beneficiari!

Bruto Chiappetta
Ottobre 10, 2018

Tra i potenziali beneficiari della misura contenuta nel decreto fiscale vi saranno non solo coloro che non hanno aderito alle prime due rottamazioni delle cartelle, ma anche coloro che non risultano in regola con i pagamenti per "motivazioni di carattere economico", sia infine i cosiddetti "sospetti evasori", che hanno ricevuto un accertamento della Guardia di Finanza o della Agenzia delle Entrate. Si tratterà quindi - ha spiegato il ministro dell'Interno - di un intervento "a saldo e stralcio" non solo su interessi e sanzioni ma anche "sul capitale". Era previsto un condono con lo sconto del 50 per cento su quanto dovuto in caso di vittoria in primo o secondo grado con l'Agenzia delle entrate. Secondo un reportage di Repubblica però la "pace fiscale" rischia di ottenere un effetto contrario a quello sperato (ovvero il rientro di capitali nelle casse dello Stato): "L'effetto annuncio del condono starebbe infatti intaccando il gettito fiscale da contrasto all'evasione dell'anno in corso: all'appello potrebbero mancare 3,6 miliardi".

Pace fiscale, modello Salvini: "Tetto a 500mila euro".

In attesa della pubblicazione del testo della Legge di Bilancio 2019 prevista entro il prossimo mese di dicembre, in tema di pace fiscale ci sono diverse ipotesi in ballo avanzate dalla Lega. Soldi che altrimenti non sarebbero mai più rientrati.

Le dichiarazioni ufficiali degli esponenti dell'esecutivo non hanno finora ricompreso l'IVA nella pace fiscale, anche perché condonare l'imposta sul valore aggiunto rischierebbe di essere incompatibile con il diritto comunitario.

Viste le posizioni estremamente divergenti e che entrambi i principali partiti della Maggioranza di Governo portano avanti a spada tratta, si è ancora in alto mare per definire con certezza quali saranno i criteri per l'accesso alla pace fiscale.