Inter: Moratti, Calciopoli? Nessun rancore

Inter: Moratti, Calciopoli? Nessun rancore

Minervino Buccola
Ottobre 10, 2018

Fare il triplete è molto difficile, ma i bianconeri hanno tutti i mezzi per riuscirci. "Lo apprezzerei molto all'Inter". "Giuseppe Marotta all'Inter? Lo stimo molto, era già bravo prima". L'ex patron dell'Inter Massimo Moratti ha commentato così l'idea di Andrea Agnelli di candidarlo alla presidenza della Figc.

"La mossa di Andrea Agnelli di candidarmi alla presidenza della Figc è stata una cosa molto simpatica che credo possa cancellare le arrabbiature dopo Calciopoli. Rimane la vicenda, ma non il rancore". "Non mi è sembrato giusto accettare, spazzando via chi aveva raccolto i voti", ha proseguito Moratti, a RMC Sport, riferendosi a Gabriele Gravina.

È stata sotterrata l'ascia di guerra tra Inter e Juventus. "Il rapporto con Agnelli è sempre stato civile e affettuoso, lo conosco da quando era ragazzo. Continuare con le polemiche era anche abbastanza noioso". Moratti ha poi commentato le ultime prestazioni dell'Inter. ''La partita di Champions ha dato fiducia, vedo determinazione e una compattezza di squadra che può far prevedere grandi cose - le sue parole -.

SULL'INTER - "L'Inter sta dimostrando di avere carattere e una buona rosa". I giocatori ci sono: con umiltà e buon gioco, se riescono finalmente trovarlo, credo possano far bene. Con questa Juve così forte è difficile puntare al campionato, ma devono crederci. "E' stata una cosa molto simpatica, carina, interessante e impegnativa". Anche noi do un'occhiata alle partite della Juventus per vedere cosa fa Ronaldo. Il predecessore era Zanetti, tutt'altro ruolo e modo di fare. Icardi? Ha imparato a essere capitano, dà fiducia ed è protettivo con i compagni. E' un allenatore di grande qualità, ho letto parecchie critiche e c'è poca pazienza nei confronti di Mancini.

IL NOSTRO CALCIO - "Ci sono giovani fortissimi nel calcio italiano, tante squadre fanno tantissimo per valorizzare i giovani, l'Inter ne è un esempio". È importante però lasciare spazio alla fantasia e al piacere di giocare nei ragazzi. Un tipo di impostazione più tattica o tendente alla vittoria della squadra toglie fantasia e voglia di giocare, e può non far uscir il talento nei giovani. Può essere una calamita per attirare altri campioni in Serie A. "Per venire fuori veramente, deve essere lasciato più libero".

Infine una battuta su Josè Mourinho, che vive un periodo di grande difficoltà sulla panchina del Manchester United: "Ha sempre le sue qualità". Spesso il calcio ti tradisce e ti costringe a passare momenti difficili. "Ho visto la partita contro il Newcastle, è stata una prova di carattere che può far ripartire lo United". "E' stata una partita che può segnare una ripartenza".