La dieta-antinfiammatoria che riduce del 18% la mortalità

La dieta-antinfiammatoria che riduce del 18% la mortalità

Prospero Rigali
Сентября 22, 2018

E, udite udite, sono anche concesse quantità moderate di vino rosso e anche di birra. E' un elisir di lunga vita. Un progetto dell'Intramural Research Program dell'Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development, dei National Institutes of Health e dell'American Diabetes Association che aveva lo scopo di valutare, nell'arco di dieci anni (1991-2001), l'influenza della dieta e di quali eventuali alimenti sull'insorgenza di effetti collaterali durante o dopo la gravidanza.

Per vivere più a lungo e in salute dobbiamo mangiare più frutta e verdura, ma sulla nostra tavola non possono mancare il tè, il caffè (per nostra gioia), il pane integrale.

Un recente studio, condotto dall'Università di scienze della vita di Varsavia, dall'Università di Uppsala, dall'Istituto Karolinska e dal Centro di Ricerca sul Cancro Fred Hutchinson di Seattle, ha dimostrato che seguire una dieta antinfiammatoria caratterizzata dal consumo di alimenti sani può allungare la vita delle persone. Carne rossa non lavorata e trasformata, patatine e bevande analcoliche, che non farebbero altro che alimentare le infiammazioni, mettendo in pericolo la salute.

Gli scienziati, coordinati dalla professoressa Joanna Kaluza, docente presso il Dipartimento di nutrizione umana dell'ateneo polacco, sono giunti a questa conclusione dopo aver analizzato i dati di circa 70mila cittadini svedesi, uomini e donne con un'età compresa tra i 45 e gli 83 anni. Inoltre si registrava un rischio inferiore del 20% di morte per malattie a carico del sistema cardiovascolare e del 13% di morire per tumori.

Gli aspetti positivi di questa dieta sembrano non essere finiti: è emerso che i fumatori che hanno partecipato allo studio seguendo questa dieta, abbiano avuto migliori benefici rispetto ai non fumatori che hanno conservato le loro solite abitudini.