Chiamò Belen

Chiamò Belen "viado", dovrà risarcirla con 2000 euro

Quintino Maisto
Settembre 12, 2018

Lo stesso viceprocuratore onorario aveva chiesto di condannare la modella croata al pagamento di 600 euro di multa, richiesta accolta dai giudici.

Il casus belli che aveva fatto scattare battaglia legale tra le due ex di Fabrizio Corona è stata l'intervista rilasciata nel settembre 2015 da Nina Moric alla trasmissione radiofonica "La Zanzara". Il tribunale ha accolto la richiesta di condanna formulata dalla pubblica accusa, riconoscendo però a favore dell'imputata le attenuanti generiche equivalenti all'aggravante e disponendo per la Moric la sospensione condizionale della pena e la non menzione nel casellario giudiziario: "Nina Moric è stata condannata, ma al minimo sindacale", ha commentato il legale della modella croata, Solange Marchignoli. Belen, assistita dall'avvocato Andrea Righi, aveva chiesto un risarcimento economico da 20 mila euro. Nell'udienza del luglio scorso, Belen, sentita in aula come parte civile, aveva spiegato: "Mi ha accusato di avere molestato suo figlio, un'accusa gravissima dalla quale ho sentito il dovere di difendermi in quanto mamma". "L'imputata - ha detto l'accusa nella sua requisitoria - si è espressa in modo offensivo e lesivo del decoro della parte offesa". "Darò in beneficenza i soldi di un eventuale risarcimento". "Mi fermavano le mamme al parco quando ero con mio figlio, chiedendomi spiegazioni". Intervista in cui, come ha spiegato l'imputata nel suo interrogatorio, non c'era invece a suo dire alcun riferimento a presunte molestie sessuali da parte della showgirl. Ai microfoni di Radio 24, aveva definito Belen "un viado" accusandola di "girare nuda" per casa davanti al figlio Carlos, nato dal matrimonio con l'ex fotografo dei vip. E ancora: "Anche lei mi ha diffamato scrivendo sui social che io sono psicopatica e squilibrata, e ha giudicato il mio ruolo di madre, una cosa che io non farei mai, ma non l'ho mai querelata". Le motivazioni della sentenza saranno depositate entro 45 giorni.