A Fenati ritirata la tessera di pilota

A Fenati ritirata la tessera di pilota

Minervino Buccola
Settembre 12, 2018

Ma non è finita qui; per l'ascolano l'esperienza con la MV Augusta si è chiusa ancor prima di iniziare. Io sono sempre sceso in pista per vincere.

AGGIORNAMENTO "Mv Agusta non intende essere rappresentata da Fenati per il 2019, l'anno che vedrà il ritorno della Casa varesina nelle massime competizioni sportive, in particolare nel Mondiale Moto2". Ma mi rendo conto che a nessuno importa di me e di quello che sto passando. E allora, meglio dire addio. Questo mondo non mi appartiene più, c'è troppa ingiustizia. "Infine, l'ordinanza, tornando ai fatti in questione, rileva che ".ci si trova in presenza di una inaudita gravità degli stessi (afferrare il freno anteriore della moto dell'avversario mentre ci si avvicina ad una curva ad oltre 200 all'ora è condotta assolutamente riprovevole, che solo per caso fortuito non ha avuto conseguenze nefaste!) che costituiscono indubitabilmente violazione di tutti i principi statutari, regolamentari e generali insiti nel concetto stesso di sport". Voi, dal canto vostro, potreste finire di infierire su di lui, ora che il sangue è sulla sabbia dell'arena, poggiate tutti le banderillas, e cercate di comprendere che stiamo parlando di un ragazzo di 22 anni che ha perso tutto. E magari finalmente capirai cosa significa. "Però - sottolinea - non ho mai pensato di fargli male, giuro". Parole decisamente discutibili le sue visto che, tra le righe, sottolineano la premeditazione e anche la giustificazione.

E sul futuro: "Per un po' lavorerò nei negozi di ferramenta del nonno, con lui e la mamma". Una è quella che porta ad un Fenati rabbioso che riconosce l'errore ma che pensa di essere stato provocato, e l'altra il Fenati che riconosce l'errore e basta.

"Le critiche sono corrette e comprendo l'astio nei miei confronti". Lo ha detto, il presidente del team, Giovanni Cuzari replicando con un "no" all'ANSA sulla possibilità di portare la vicenda in un aula di Giustizia. "Con estremo rammarico, dobbiamo constatare che il suo gesto irresponsabile abbia messo in pericolo la vita di un altro pilota e non possa essere scusato in alcun modo".

Anche Valentino Rossi ha commentato il fatto, sottolineando l'esclusione dallo SKY Racing Team VR46, a stagione in corso, nel 2016. "Non succederà, non rappresenta i veri valori della nostra azienda", ha sentenziato Castiglioni dopo il gesto folle di Fenati nel Gp di Misano.