Verstappen attacca Renault:

Verstappen attacca Renault: "Colpa del motore se non vinciamo"

Minervino Buccola
Agosto 10, 2018

Il pilota spagnolo, silurato dalla Renault, non sembrava in cima alla lista delle preferenze della Red Bull, più orientata per il 2019 ad affidare il sedile vacante a Pierre Gasly, profilo maggiormente gradito a Max Verstappen. Nell'ultimo Gran Premio disputato prima della sosta estiva, in Ungheria, il pilota olandese è stato costretto al ritiro a causa di un problema alla MGU-K.

Nel frattempo Sainz, intervistato da Auto Motor Und Sport, ha fatto emergere tutto il proprio gradimento per la destinazione Red Bull: "Al momento sono ancora un pilota della Renault, ma se la Red Bull mi chiedesse di tornare, naturalmente le cose cambierebbero: devo molto alla Red Bull" - ha ammesso.

"E' difficile dire se il trattamento è cambiato dal nostro annuncio. Se ci sono delle nuove parti, queste andranno prima al team ufficiale, e questo è logico, ma è anche un peccato per noi".

"Quindi siamo sempre indietro di due gare".

"Ora loro puntano sul loro factory team, quindi siamo sempre un po' indietro" ha ribadito. "Ma le cose funzionano così e lo sappiamo, quindi non possiamo fare altro che accettarlo". Per il motore è una storia più difficile.

"Siamo migliori di Mercedes e Ferrari in termini di telaio, quindi dobbiamo continuare a fare del nostro meglio da quel punto di vista" ha concluso.