La pace fiscale M5S-Lega? È scesa da 35 a 3,5 miliardi

La pace fiscale M5S-Lega? È scesa da 35 a 3,5 miliardi

Bruto Chiappetta
Agosto 9, 2018

Le possibili entrate della pace fiscale prevista dal contratto di governo M5S-Lega sono scese da 35 a 3,5 miliardi di euro. Molti italiani sono alle prese con la rottamazione delle cartelle e questi temi si incrociano, ecco perché l'avvio della pace fiscale potrebbe slittare a gennaio 2019 e con molta probabilità la misura sarà inserita nella Legge di Bilancio.

Luigi Di Maio ha parlato nuovamente della pace fiscale, dopo che la discussione sulla misura era stata messa in stand-by.

La pace fiscale entrerebbe in vigore a partire dal nuovo anno dunque, così da non sovrapporla alla rottamazione. È una delle ipotesi su cui sta lavorando l'esecutivo in vista della manovra finanziaria. Settore economico al lavoro per studiare i dettagli.

Il provvedimento potrebbe essere inserito nel decreto fiscale che dovrebbe accompagnare anche quest'anno la Legge di Bilancio.