"Condotte aggressive": multe a Wind Tre, Tim e Vodafone

Saba Mula
Agosto 9, 2018

L'Antitrust (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) ha comunicato che sono stati chiusi tre procedimenti istruttori contro Wind-Tre, Tim e Vodafone Italia. L'Autorità ha deciso di sanzionare le società per pratiche commerciali scorrette prevedendo sanzoni complessive per 3,2 milioni di euro.

Una prassi in aperta violazione degli articoli 24 e 25 del Codice del Consumo. Nelle lettere di sollecito, gli operatori avrebbero minacciato i clienti di iscriverli a una banca dati "denominata S.I.Mo.I.Tel., non ancora operativa e dalla finalità indeterminata, al fine di indurli a pagare gli addebiti richiesti".

L'Autorità ha accertato che i tre operatori agivano in modo scorretto, inviando i solleciti anche a clienti non qualificabili come "morosi intenzionali", perché privi di tutti i requisiti previsti per l'iscrizione, compresi utenti che potevano contestare la fondatezza del debito vantato dall'operatore.

I tre operatori invece, sfruttando la minaccia di fare ricorso allo strumento di autotutela del mercato nei confronti dei morosi intenzionali, induceva i destinatari 'non morosi' a preferire il pagamento della somma richiesta, a prescindere dalla fondatezza della propria posizione debitoria.