Conte:

Conte: "Manovra seria e coraggiosa con riforme strutturali"

Bruto Chiappetta
Agosto 8, 2018

Settembre sarà anche il mese di "riforma fiscale e reddito di cittadinanza che faranno parte del pacchetto di riforme che accompagneranno la manovra". Cerchiamo di accompagnare la manovra economica a tutte queste riforme.

LA TAV - Conte è intervenuto infine su un altro nodo spinoso per il governo, che riguarda i progetti della linea ferroviaria dell'alta velocità che dovrebbe collegare Torino e Lione (la Tav) e del gasdotto Tap, che potrebbe portare in Italia (con hub in provincia di Lecce) il gas proveniente dall'Azerbaijan. Ci presenteremo a testa alta, con un progetto ragionevole. Le risorse per la manovra, ha spiegato Conte, "sono ricavate da un'attenta opera di ricognizione degli investimenti programmati e delle spese". Non andremo a toccare settori strategici come sanità, scuola, ricerca perché assicurano una prospettiva di sviluppo. "Una fonte di risorse sarà un riordino delle tax expenditure, le agevolazioni, anche con una ridefinizione molto organica di queste agevolazioni", ha detto ancora Conte.

A proposito della Tav, Conte ha dichiarato che si tratta di "un argomento all'ordine del giorno nell'agenda del governo: è alla nostra attenzione e come anticipato dal ministro Danilo Toninelli stiamo esaminando tutti gli aspetti in termini di costi e benefici, con l'impegno a una revisione integrale su questo punto".

"A settembre avremo una proposta di riforma del codice degli appalti seria che possa sbloccare il quadro normativo e dare maggiore certezza giuridica per rilanciare gli appalti - ha spiegato il premier -". E in programma c'è anche "la semplificazione normativa e burocratica", anche perché, afferma il premier, "l'Italia è un Paese imbrigliato da vincoli e da lacci". Capisco che vogliate ogni giorno risposte 'Tav sì o no' e i ministri esprimono le loro posizioni. "Nell'incontro con Trump ho rappresentato che se ci sono dall'intelligence americana notizie che definiscono un quadro diverso da quello sin qui acquisito in termini di proliferazione nucleare, l'Italia deve essere disponibile a guardare alla sostanza". Poi c'è diversità sul modo di interpretarli, ma l'obiettivo è realizzare il cambiamento che abbiamo assicurato, questo è il collante di questa esperienza di governo": "così il premier in conferenza stampa a Palazzo Chigi. "Un grazie di cuore ai ragazzi del mio staff per questa bellissima sorpresa!"

Il capo del governo, rispondendo alle domande, ha parlato anche della complessa situazione dei vaccini: "La posizione del governo sui vaccini è molto chiara".

"Si parla di emendamento per la scuola dell'obbligo, ma non c'è ancora niente di concreto".

Quella di Marcello Foa "la ritengo una figura di gran valore, ha un curriculum professionale di tutto rispetto". Ma anche cambiare in questo momento, se il cda non dovesse ritenere, tra tutte persone assolutamente qualificate, di individuare una figura da indicare come presidente, non è facile: non si può costringere qualcuno alle dimissioni. Non riteniamo al momento di varare nessuna specifica circolare. "Ma che ci siano sensibilità diverse dei singoli, in un movimento molto composito, va benissimo".