Borse, avvio negativo, gli investitori attendono le banche centrali

Borse, avvio negativo, gli investitori attendono le banche centrali

Bruto Chiappetta
Agosto 1, 2018

(Teleborsa) - Le principali borse europee avviano la settimana all'insegna della debolezza, dove protagoniste sono le banche centrali. Digerito l'esito senza sorprese del consiglio BCE, della scorsa ottava, gli investitori attendono i verdetti di politica monetaria di Banca del Giappone, Banca d'Inghilterra e Federal Reserve. Guardando a Piazza Affari, oggi toccherà a Leonardo alzare i velo sui conti, mentre nei prossimi giorni sarà il turno delle banche. Sul fronte dei dati macro, a fine settimana saranno resi noti i dati sul mercato del lavoro americano, con il focus sempre sui nuovi posti di lavoro nei settori non agricoli e sulla retribuzione media oraria.

Poco mosso l'oro, a quota 1.220,5 dollari l'oncia. Sottotono Londra -0,4%, Parigi -0,37%. A Milano il Ftse Mib segna -0,06% a 21.941 punti, mentre l'All Share perde lo 0,03% a 24.205.

Lo spread tra Btp e Bund tedesco apre in aumento a 236 punti base (232 venerdì in chiusura di settimana), con il rendimento del decennale italiano che sale al 2,76%. Su Mediaset (+1,97%) dopo i risultati degli utili nel primo semestre e Telecom Italia (+1,1%). Ancora debole invece Ferrari (-1,55%). Piazza Affari ha terminato la giornata appena sotto la parita' (-0,06%), sostenuta dai titoli petroliferi (Saipem +1,61%), che hanno approfittato del rally del greggio e hanno fatto da contraltare alle flessioni di StMicroelectronics (-2,74%), Moncler (-2,55%) e Atlantia (-1,66%).

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Amplifon (+2,55%), Zignago Vetro (+1,97%), Piaggio (+1,62%) e Gima Tt (+1,46%).