Mondiali 2018: un

Mondiali 2018: un "gol della Juve" è pagato a 2,75

Quintino Maisto
Luglio 11, 2018

I giocatori russi inalavano ammoniaca prima di entrare in campo. A sfidarsi nell'atto conclusivo che inchioderà davanti al televisore mezzo Pianeta saranno le vincenti delle due semifinali Francia-Belgio e Inghilterra-Croazia: si preannuncia grande spettacolo in un match davvero rovente e avvincente in cui tutto può succedere e dove non mancheranno mai i colpi di scena.

Il medico della Nazionale è stato costretto a fare chiarezza su quanto accaduto.

L'ammoniaca infatti non è considerata una sostanza dopante, anche se permette di essere più reattivi e stimola la respirazione e l'ossigenazione nel sangue.

È una cosa che fanno in migliaia di atleti, si usa da decenni non solo nello sport ma anche nella vita di tutti i giorni quando qualcuno perde conoscenza o si sente debole. A considerare l'eventualità sono i bookmaker, che hanno aperto una speciale scommessa su quale squadra di Serie A riuscirà a "segnare" almeno un gol nella finale mondiale con a uno dei suoi calciatori.

La FIFA ha risposto dicendo che la Russia è stata una delle nazionali soggette a maggiori controlli e che non sono necessari ulteriori test.