Mondiali 2018, Vida a rischio squalifica

Mondiali 2018, Vida a rischio squalifica

Minervino Buccola
Luglio 10, 2018

Il massimo organo calcistico mondiale, attraverso una nota ufficiale, ha infatti comunicato: "Possiamo confermare che il Comitato Disciplinare della FIFa ha inviato un avvertimento al giocatore Domagoj Vida dopo la sua dichiarazione in video rilasciata dopo la partita della Coppa del Mondo 2018 tra Russia e Croazia".

Autore del gol del temporaneo 2-1 nei supplementari contro la Russia, Domagoj Vida nel post-partita ha inneggiato all'Ucraina, come si è appreso da un video divenuto ben presto di dominio pubblico. La Fifa ha però aperto un'indagine nei suoi confronti. Vida e la Croazia incontreranno l'Inghilterra in semifinale mercoledì. Quanto fatto da Vida non è piaciuto ad alcuni media russi e a molti utenti dei social, che hanno segnalato l'accaduto. L'apertura dell'inchiesta è stata confermata da fonti della Fifa. Vida rischia due giornate di squalifica e una multa di cinquemila franchi svizzeri, parti a circa 4.300 euro. "Non c'è politica nel calcio".

"Solo uno scherzo per i miei amici ucraini", si è giustificato Vida, che come detto oggi gioca in Turchia ma che l'Ucraina la conosce benissimo: ha vestito la maglia della Dinamo Kiev dal 2013 a quest'anno, prima di trasferirsi al Besiktas. La Serbia non riconosce l'indipendenza del Kosovo, che continua a considerare una sua provincia a maggioranza albanese, e denuncia un piano nazionalista che mirerebbe a creare una 'Grande Albania, uno stato unico che raggruppi tutte le popolazioni albanesi presenti nei vari Paesi dei Balcani.