Listeria nei vegetali surgelati: controlli a tappeto in Italia

Listeria nei vegetali surgelati: controlli a tappeto in Italia

Prospero Rigali
Luglio 9, 2018

"Al momento non risultano focolai di Listeria in Italia ed il ritiro dei prodotti sono effettuati in via precauzionale" rassicura la ministra della Salute Giulia Grillo. L'azienda fa sapere che chi si trovasse in possesso dei prodotti in questione, è invitato a contattare, per qualunque informazione, il numero verde 800906030 o l'indirizzo mail urgente@findus.it. Il richiamo precauzionale e su base volontaria, precisa Findus, "si riferisce esclusivamente ai lotti dei prodotti menzionati e non riguarda in nessun modo né altri lotti degli stessi prodotti, né altri prodotti a marchio Findus". Di fronte all'atteggiamento incerto e contradditorio dell'Unione Europea che obbliga ad indicare l'origine in etichetta per le uova ma non per gli ovoprodotti, per la carne fresca ma non per quella trasformata in salumi, per l'ortofrutta fresca ma non per i succhi, le conserve di frutta o per gli ortaggi conservati, l'Italia che è leader europeo nella trasparenza e nella qualità ha il dovere - conclude la Coldiretti - di fare da apripista nelle politiche alimentari comunitarie anche promuovendo una profonda revisione delle norme comunitarie. Un'esigenza dinanzi a rischi alimentari - spiega la Coldiretti - in una situazione in cui sono stati 2.925 gli allarmi scattati nell'Unione Europea in un anno.

Si può parlare di una vera e propria epidemia listeriosi in Europa perché sono ormai quasi cinquanta i casi in giro per il vecchio continente ed in particolare in Austria, Finlandia, Danimarca, Svezia e Regno Unito creando non pochi problemi non solo agli individui colpiti ma anche per gli altri cittadini che comunque possono non vivere molto agevolmente questa situazione. Anche in questo caso, si tratta di un provvedimento a scopo precauzionale "per rischio di contaminazione da Listeria monocytogenes".

"Ennesimo scandalo alimentare in Italia che, nonostante le rassicurazioni del Ministero della salute, rischia di avere dimensioni enormi e di coinvolgere milioni di italiani".

I minestroni della Findus e di Freshona sono nell'occhio del ciclone per la possibile presenza di batteri di Listeria monocytogenes, che porta all'uomo la listeriosi. Dove si trova? Nel terreno, nelle piante e nelle acque.

Su Salvagente si legge che l'azienda ungherese, considerata la fonte del focolaio, abbia i ceppi del batterio all'interno del sistema di lavorazione.

Oltre a Findus, anche Lidl è stata coinvolta dall'allarme listeria, due prodotti a marchio Freshona, sempre prodotti da Greenyard, sono stati ritirati dai punti vendita siciliani della nota catena di discount.

Listeria è una famiglia di batteri composta da dieci specie. Per alcuni tipi di individui (donne incinte, bambini piccoli, anziani e soggetti immunodepressi) la malattia può degenerare in forme anche molto gravi. Anche in questo caso a causa di contaminazioni batteriche.

Per ora i prodotti ritirarti nel nostro Paese sono alcuni minestroni della Findus e altri venduti nei supermercati Lidl. Altro ritiro di una linea di minestroni è stato annunciato da Lidl in Sicilia, per i prodotti a marchio Freshona.