Star dell'Italvolley vaccina la figlia: insulti e maledizioni dei no vax

Star dell'Italvolley vaccina la figlia: insulti e maledizioni dei no vax

Minervino Buccola
Luglio 5, 2018

Ivan, godendosi un giorno da papà, tra una manifestazione agonistica e un ritiro con la nazionale, aveva scritto "E anche il meningococco è fatto, bravissima la mia ragazza" con una foto di lui teneramente accosciato al fianco di un passeggino con la figlia.

Nel corso della giornata l'opposto fresco campione d'Italia con Perugia ha poi dovuto sopportare i pesanti commenti degli haters no vax.

"Caro Zaytsev, pensa a giocare a pallavolo; migliaia di bambini sono morti a causa dei vaccini o sopravvivono gravemente danneggiati" scrive il primo degli accusatori, ma quello che segue nei commenti è ancora peggio. "A volte il sorriso si spegne lentamente".

Il campione di origine russa, nato a Spoleto, ha cancellato i peggiori insulti, e ha deciso di rispondere a chi lo accusava di fare pubblicità ai vaccini: "Io oltre a giocare sono un PADRE che decide per i suoi figli e un ESSERE umano LIBERO di esprimermi". Alcuni degli insulti social piovuti addosso al 29enne sono stati ripresi dalla moglie Ashling, sul suo profilo personale, accompagnati dalla frase: "Eppure il cuore è uguale in tutti gli esseri umani".