Ferrari in testa al costruttori 33 punti guadagnati su Mercedes - FORMULA 1

Ferrari in testa al costruttori 33 punti guadagnati su Mercedes - FORMULA 1

Minervino Buccola
Luglio 4, 2018

Una testata alle critiche e il "bad boy" Max Verstappen ha regalato alla Red Bull il terzo trionfo dell'anno, pareggiando i conti con Ferrari e Mercedes. La Ferrari invece, pur non vincendo il GranPremio, è tornata leader di entrambe le classifiche facendo ciò che in Mercedes si aspettavano. E dico, lasciate divertire Leclerc e lasciate guidare Kimi, che è un campione del mondo. Decisamente più attardato Vettel, che scattato dalla casella 6 a causa della penalità in qualifica, decide di non rischiare e in poche curve si ritrova ottavo. Raikkonen passa Ricciardo, in difficoltà con le gomme.

Quasi a braccetto il finale, disastroso, per Lewis e Ricciardo: prima accusano problemi enormi di blistering alla posteriore sinistra e sono entrambi obbligati ad effettuare una seconda sosta, poi finiscono il loro GP parcheggiando le rispettive monoposto a bordopista per problemi (evidentemente diversi) alle loro power unit.

"Sei motori Ferrari nei primi dieci, è una cosa molto importante".

Lo si legge sul sito Ferrari. Almeno fintanto che - come ad oggi - porta a casa punti, podi e la soddisfazione di aver tolto a Mercedes il dominio assoluto dell'era ibrida. Decisamente poco attento nella circostanza invece l'addetto alle strategie dei tedeschi, il quale non richiama in pit Lewis Hamilton, costringendolo a fermarsi da lì a poco e a perdere un sacco di tempo rispetto agli altri, rientrando in pista in quarta posizione alle spalle delle due Red Bull e di Kimi. Anche qui fair-play quando lo svedese ha restituito la posizione che gli era stata data per provare a raggiungere Alonso. Un errore del pilota o degli ingegneri che non l'hanno avvisato? Buone notizie per Vettel torna in testa al Mondiale piloti dopo i zero punti di oggi di Hamilton. I due piloti di Maranello, grazie a questi 33 punti complessivi, riportano la Scuderia in testa al mondiale costruttori. Il primo colpo di teatro lo regala la Mercedes, suo malgrado: Bottas viene tradito dal cambio ritirandosi e lasciando il compagno di squadra da solo e creando i presupposti per il colpo di scena: la direzione gara opta per la virtual safety car, Red Bull e Ferrari ne approfittano per il pt stop montando le Soft per arrivare fino in fondo. "Il prossimo weekend, a Silverstone, sulla carta si presenta impegnativo, anche perché è la gara di casa dei nostri principali avversari; ma l'affronteremo con la consueta umiltà e determinazione". Non ci sono convinzioni, quelle di potersi regalare ancora qualcosa nella sua permanenza in F1, e non possono esserci se dall'altro lato mancano incoraggiamenti concreti.