Francia contro Italia:

Francia contro Italia: "posizione su migranti vomitevole"

Prospera Giambalvo
Giugno 13, 2018

È scontro tra Italia e Francia sui migranti, con un duro botta e risposta innescato dal caso della nave Aquarius, l'imbarcazione della ong Sos Mediterranée ancora ferma nel Mediterraneo dopo la mancata autorizzazione all'attracco in Italia da parte del governo di Roma. Ogni volta che un Macron attacca le politiche di Salvini il ministro dell'interno si fortifica e accumula consenso. "Non escludo il rischio di responsabilità penali internazionali per l'Italia". D'accordo il portavoce di En Marche, Gabriel Attal, che l'ha definita "vomitevole".

"La Spagna ci vuole denunciare - ha scritto Salvini in un tweet - la Francia dice che sono 'vomitevole'".

"Le dichiarazioni intorno alla vicenda Aquarius che arrivano dalla Francia sono sorprendenti - ha risposto Palazzo Chigi - e denunciano una grave mancanza di informazioni su ciò che sta realmente accadendo. Io voglio lavorare serenamente con tutti, ma con un principio: prima gli italiani".

Da Angela Merkel, intanto, arriva il richiamo all'unità: "Sull'immigrazione illegale dobbiamo rispondere in modo unitario". L'opposizione credibile e necessaria alla svolta che il Paese sta prendendo sui temi dell'integrazione, dell'accoglienza e della solidarietà e relegata al blocco sociale che in queste ore sta andandosi a coagulare qui fuori, ai sindaci che hanno deciso di alzare la voce e alle associazioni che da sempre sostituiscono lo Stato (o addirittura lo combattono) per mantenere potabili livelli di assistenza.