Trump annuncia firma documento con Kim

Trump annuncia firma documento con Kim

Prospera Giambalvo
Giugno 12, 2018

Kim Jong-un è arrivato a Singapore a bordo dell'aereo privato di Air China, un Boeing 747-4J6 partito in mattinata da Pyongyang e usato dal governo cinese per il trasporto dei funzionari di governo, incluso il presidente Xi Jinping. Il presidente americano ha conversato nelle scorse ore con il collega sudcoreano, entrambi hanno espresso ottimismo per l'incontro di domani. "E' stato un incontro storico, sono un emissario del popolo americano e consegno un messaggio di pace".

Perfettamente in orario, l'incontro è avvenuto poco dopo le 9, le 3 in Italia. Poi il presidente americano ha appoggiato la mano sinistra sulla spalla di Kim e ha parlato: "Mi sento alla grande". I due si sono voltati verso le telecamere, davanti a una dozzina di bandiere degli Stati Uniti e della Corea del Nord alternate.

Se la strategia ispiratrice del Ttip consisteva in un rinsaldamento delle economie più avanzate in un'alleanza in grado di contrastare il potere delle economie emergenti, adesso gli Stati Uniti avrebbero scelto una strada ben diversa.

Trump e Kim, al termine del summit, hanno firmato un documento comune sulla denuclearizzazione che il presidente americano ha definito "alquanto completo". Secondo l'editorialista del New York Times, David Leonhardt, l'esito della politica commerciale di Trump sta, volente o nolente, disgregando l'alleanza atlantica che ha caratterizzato tutta la storia del secondo dopoguerra. I due leader si sono stretti la mano, vigorosamente, per 13 secondi. Ha nominato la figlia Ivanka e il genero Jared Kushner come stretti consiglieri, mentre il figlio Donald Jr. è stato impegnato nella campagna.Kim e Trump, ancora, condividono il fatto di volere dai loro collaboratori una lealtà assoluta.

"Nice to meet you Mr. President", ha detto in inglese al tycoon il "supremo comandante". "Noi restiamo vincolati a una completa, verificabile, irreversibile denuclearizzazione della penisola coreana", ha detto il segretario di stato Usa Mike Pompeo in un tweet. Vale sempre la pena sforzarsi per arrivare alla pace, specialmente in questo caso.

Proprio dalla discussione a due - aperta ai soli interpreti e a nessun altro - si sono costruite le basi per la successiva firma dell'accordo, con passi avanti almeno apparentemente certi sul fronte denuclearizzazione della Corea del Nord. Ad accompagnare Kim, tra gli altri, Kim Yong-chol, numero due di Pyongyang, ricevuto alla Casa Bianca all'inizio del mese con la missiva formato gigante inviata del dittatore nordcoreano, quando il programmato summit sembrava sull'orlo del collasso.

Secondo le stime statunitensi, la Corea del Nord può contare al momento su circa una settantina di missili balistici e possiede materiale per costruire fino a sessanta testate nucleari. "Abbiamo fatto un sacco di progressi, l'incontro e' andato meglio di quanto chiunque potesse aspettarsi", ha replicato Trump. "Siamo onorati" di firmare questo documento, ha detto Trump, ed il processo di denuclearizzazione della Corea del Nord inizierà "molto velocemente".

La nota congiunta, diffusa alla fine del summit, ha però dato pochi dettagli su come questi obiettivi saranno perseguiti, anche se Trump ha dato qualche informazione in più in una conferenza stampa. I due leader hanno condiviso un pranzo composto, simbolicamente, di portate asiatiche e americane.