Primavera, Inter campione d'Italia. Fiorentina piegata ai supplementari da Colidio e Rover

Primavera, Inter campione d'Italia. Fiorentina piegata ai supplementari da Colidio e Rover

Minervino Buccola
Giugno 12, 2018

I giovani nerazzurri al Mapei Stadium hanno battuto 2-0 la Fiorentina (in gol Colidio e Rover), conquistando il nono scudetto del campionato Primavera, secondo consecutivo.

Due scudetti, un Torneo di Viareggio, una Coppa Italia e una Supercoppa italiana: sono questi i trofei che Stefano Vecchi è riuscito a portare all'Inter nei suoi tre anni alla guida della Primavera nerazzurra. Nei tempi regolamentari la gara aveva visto il predominio quasi totale dell'Inter, in particolare nella ripresa, con solo le parate decisive di Cerofolini a tenere il risultato in bilico fino al 90'. La gara dei viola e' stata pesantemente condizionata dall'infortunio del proprio capitano, Abdou Diakhate, a meta' della prima frazione.

"Questa è la 19esima finale vinta su 24, numeri che dimostrano la continuità di una società che ci ha sempre creduto e che ogni anno lavora per migliorarsi, senza accontentarsi mai". "Fare plusvalenze con i ragazzi del settore giovanile?" Mi piacerebbe misurarmi con il calcio adulto, deve però capitare l'occasione giusta e nel caso valuterei con l'Inter. "Ci sono tante altre squadre che hanno grandi prospettive, lavorano molto bene nel settore giovanile, spendono molto".

BIGICA: "ABBIAMO RESO DURA LA VITA A UNA GRANDE SQUADRA" - Nessun rammarico particolare per Emiliano Bigica, che dispensa complimenti ai suoi giovani allievi. "Sono contento per i ragazzi, il lavoro paga". E' stimolante, ma non sempre facile anche perchè ci sono stagioni dove si è più carenti in alcuni ruoli e in esubero in altri. Le difficoltà nella gestione dei ragazzi sono diverse rispetto a quelle dei giocatori adulti. "Ho ancora un contratto di 2 anni, mi confronterò con la dirigenza e tutti sanno che, qualora arrivasse la proposta giusta, mai come ora è questo il momento ideale per accettarla".

INTER (5-3-2): Pissardo; Valietti, Bettella, Nolan, Lombardoni, Sala; Emmers (83′ Gavioli), Pompetti, Zaniolo; Colidio, Adorante (58′ Rover). All.