L'Austria chiude 7 moschee ed espelle alcuni imam - Politica

L'Austria chiude 7 moschee ed espelle alcuni imam - Politica

Prospera Giambalvo
Giugno 10, 2018

Con due obiettivi: contrastare il radicalismo in Austria e punire il mancato rispetto della legge sull'islam, che bandisce, fra l'altro, i finanziamenti dall'estero. "I passi per normalizzare l'islamofobia e il razzismo vanno respinti in ogni circostanza", ha aggiunto. Lo ha scritto il ministro dell'Interno Matteo Salvini su Twitter. "Chi usa la propria fede per mettere a rischio la sicurezza di un Paese va allontanato" Una delle moschee dell'Atib, Unione turco-islamica per la collaborazione culturale e sociale in Austria, colpita dal provvedimento di chiusura del governo di Vienna è stata recentemente al centro di polemiche per un video che mostra bambini in tenuta da guerra. E aggiunge: "Spero già la prossima settimana di incontrare il collega ministro austriaco per confrontarci su linee d'azione".

Una sessantina di imam verranno espulsi e sette moschee saranno chiuse.

La chiusura, come immaginabile, ha creato però profondo sconcerto nella comunità musulmana locale.

Come ha ribadito il cancelliere Kurz (Oevp) "in Austria non c'è spazio per società parallele e radicalizzazioni". Le dichiarazioni rilasciate dal giovane Kurz, leader dell'ÖVP, principale partito di governo, hanno trovato la condivisione del Vice-Cancelliere e leader della destra nazionalista del FPÖ, Heinz-Christian Strache, che ha affermato: "Non tolleriamo predicatori dell'odio che agiscono in nome della religione". Quella moschea in cui la rappresentazione era avvenuta era gestita dalle Atib, sigla che sta per Associaizioni culturali turco-islamiche, una branca dell'agenzia turca Diyanet per gli affari religiosi.

Non si è fatta attendere la reazione del governo turco. "Dio ci protegga". Si vedono anche numerose madri che riprendono la recita, come anche l'imam della moschea. "Non lo abbiamo voluto noi".

Ha fatto in breve tempo il giro del mondo la notizia circa la decisione dell'Austria di chiudere 7 moschee e di espellere alcuni imam per attività illecite.

Ad attaccare è un gruppo di senegalesi che, con ferocia, si scaglia contro tre pattuglie dei carabinieri intervenute per effettuare un controllo contro la vendita abusiva di oggetti contraffatti. E pare che molti degli imam coinvolti dai provvedimenti siano legati alle Atib.