Nuovo incidente Facebook: post privati diventano improvvisamente pubblici

Nuovo incidente Facebook: post privati diventano improvvisamente pubblici

Saba Mula
Giugno 9, 2018

"Abbiamo individuato recentemente un problema informatico che suggerisce automaticamente di rendere pubblici i contenuti creati da centinaia di persone", ha spiegato Erin Egan, incaricata delle questioni di privacy del noto social.

Facebook è incorsa in un nuovo problema nel periodo compreso tra il 18 e il 27 maggio scorsi: i post di oltre 14 milioni di iscritti al social network che avrebbero dovuto restare privati sono stati invece resi pubblicamente accessibili a dispetto delle impostazioni sulla privacy fissate da ogni singolo utente. Un bug che però ha scelto il momento peggiore per comparire, dopo una sequela di scandali riguardanti la protezione dei dati in essere all'interno dell'azienda di Mark Zuckerberg e che senz'altro è un ulteriore colpo alla sua immagine.

La società ha poi precisato che il bug è stato risolto il 22 Maggio, ma che sono stati necessari altri 5 giorni per recuperare pienamente le impostazioni di privacy per tutti i post toccati dal problema.

Ma, per alcuni, il bug ha proposto in modo sistematico di default la modalità "pubblico".

Facebook infatti rende possibile, per chi lo voglia, impostare nel proprio profilo un pubblico di riferimento, tra i propri contatti, con cui condividere i contenuti postati: chi non rientra nel pubblico definito dall'utente non potrà vedere il post. In particolare, i tecnici stavano lavorando su una nuova modalità per la condivisione dei contenuti in evidenza pubblicati sulla bacheca. Questa volta si tratta di un bug scoperto e risolto nel mese di maggio, il quale potrebbe aver colpito 14 milioni di persone causando la pubblicazione degli aggiornamenti di stato degli utenti anche se questi ultimi avevano impostato una privacy più stringente. A causa di un errore, lo strumento di pubblicazione dei post in alcuni account è tornato su "Pubblico" come predefinito, cosa che probabilmente molti proprietari degli account non hanno notato.