Riforma delle pensioni, cosa sono

Riforma delle pensioni, cosa sono "quota 100" e "quota 41"

Bruto Chiappetta
Giugno 7, 2018

Il quotidiano economico ipotizza che la somma di età e contributi versati potrebbe essere fatta a partire dai 64 anni, andando nell'unica direzione dell'aumento dell'età in caso di anni di contributi mancanti per arrivare a 100, senza però tentare la strada inversa. "L'impegno è di smontarla pezzetto per pezzetto - ha aggiunto - ripartendo da quota cento ed avendo l'obiettivo di tornare a quota 41 anni di contributi". Il Sole 24 ORE si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l'ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.

Come previsto dal contratto di governo firmato da Lega e Movimento 5 Stelle, il nuovo esecutivo guidato da Giuseppe Conte è pronto a mettere mano e superare la Legge Fornero, il provvedimento votato dal governo Monti nel 2011, che ha aumentato l'età pensionabile a 67 anni nel 2019, legandola all'incremento della speranza di vita nel nostro Paese, sulla base dell'aggiornamento Istat.

Anche se Forza Italia ha votato no alla fiducia - collocandosi quindi all'opposizione - non è escluso che in futuro i parlamentari forzisti possano votare in favore di alcuni provvedimenti proposti dal Governo Conte.

Uno di questi è l'abolizione della riforma Fornero, storica battaglia della Lega sotto la segretaria di Salvini, poi promossa anche dal M5S di Di Maio nell'ultima campagna elettorale.

L'Ape Sociale permette a disoccupati, invalidi civili al 74% e persone che assistono parenti di primo grado, se disabili gravi, di smettere di lavorare dopo 30 anni (ma con almeno 63 anni compiuti).

Le condizioni di Damiano sono dunque le seguenti.

Cerchiamo di seguito cos'è, come funziona e chi potrà accedere alla pensione con la Quota 100. Perché altrimenti il rischio è "che pochi lavoratori facciano passi avanti; e molti facciano passi indietro".

Per capire nel dettaglio come funzionerà la quota 100 per l'accesso alla pensione sarà necessario attendere, ma vista la portata del tema ogni giorno emergono novità su chi potrà richiederla e quali potrebbero essere i requisiti. Altri tipi di combinazioni non sarebbero possibili.

La riforma delle pensioni allo studio del Governo Lega Cinquestelle, a guardare le prime indiscrezioni sul dossier sul tavolo del Governo Conte, potrebbe avvantaggiare soprattutto i lavoratori più "forti" come gli uomini residenti al Nord e con impieghi più stabili mentre potrebbe portare a un'uscita più lontana nel tempo le donne e coloro che hanno avuto lunghi periodi di disoccupazione e cassa integrazione.

Secondo IlSole24Ore, proprio quest'ultima opzione, infatti, che prevede una penalizzazione sull'assegno finale, rientra nello schema messo a punto dagli esperti della Lega, un meccanismo che potrebbe garantire il rispetto del target dei 5 miliardi l'anno di maggiore spesa previdenziale annunciata.