La Settimana del lavoro agile e lo Smart Working

La Settimana del lavoro agile e lo Smart Working

Prospera Giambalvo
Mag 18, 2018

Il Comune di Milano ha promosso la V edizione dell'iniziativa sul "lavoro agile", avviata nel 2014 con una sola giornata e, dall'anno scorso, estesa ad una settimana lavorativa, che si terrà dal 21 al 25 maggio 2018. Unione del Commercio- Unione Artigiani - Città metropolitana - APMI - ANCI Lombardia - Apa Confartigianato - Valore D - Federdistribuzione - Confcommercio Milano - SDA Bocconi - Ordine dei dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Milano- AIDP Lombardia - Camera di Commercio - Confcooperative Milano Lodi Monza Brianza - Confesercenti. Anche per questa edizione, aziende, enti, liberi professionisti, associazioni, sindacati e università potranno aderire alla settimana dello smart working attraverso tre diverse formule: "Sperimenta il lavoro agile" che dà la possibilità al dipendente di sperimentare per un massimo di cinque giorni il lavoro al di fuori della sede abituale con una flessibilità oraria o attraverso una postazione di coworking; "Adotta un'impresa", che consente ad aziende che hanno già avviato lo smart working di offrire la propria esperienza ad altre interessate a sperimentarlo; "Organizza un evento", in sede o altrove per discutere di questa diversa modalità di lavoro.

Quest'anno, inoltre, è previsto un ulteriore passo avanti nell'adozione dello smart working, favorendo la conciliazione famiglia-lavoro anche per i neo papà, alla luce della Legge n. 81 del 22 maggio 2017 "Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale misure volte a favorire l'articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi di lavoro subordinato", cui è seguita la Direttiva n. 3/2017 del Ministro per la semplificazione e la Pubblica Amministrazione, che ha concluso l'iter parlamentare e ha normato l'introduzione del lavoro agile sia nelle aziende private che in quelle pubbliche.

Secondo un'indagine condotta dal Comune, in occasione della prima edizione della settimana del lavoro agile, su un campione di 2.321 lavoratori chehanno aderito rispondendo al questionario, il 55% sono donne e il 43 uomini.I dati rivelano come la maggioranza dei partecipanti all'indagine abbia un diploma di istruzione superiore (il 47%) o la laurea (il 49%). Nel 2017 sono state attivate 638 postazioni in 76 coworking, sono state risparmiate 4.041 ore per spostamenti, per un totale di 168 giorni lavorativi. Si accentua la presenza di diplomati rispetto ai laureati di un'età compresa tra i 30 e i 59 anni; in particolare tra i 45 e i 54 anni la percentuale è del 21%. Il 48 % del campione ha un ruolo impiegatizio, il 46 % è quadro in enti o aziende.