Spalletti:

Spalletti: "Credo alla Champions League al 100%, come i tifosi"

Minervino Buccola
Mag 16, 2018

In attesa della probabile conclusione del discorso scudetto coi posticipi Roma-Juve e Samp-Napoli, il penultimo turno e' incentrato sulla lotta salvezza. L'auspicio in casa Lazio è che si riescano a recuperare il centravanti campano e l'ex Parma, alle prese con i rispettivi percorsi di recupero e vogliosi di rientrare per il match decisivo. Per la supersfida contro i biancocelesti, Spalletti recupererà certamente Joao Miranda, risparmiato contro il Sassuolo dopo che aveva dato forfait a Udine a causa di una contrattura agli adduttori della coscia destra. Maurito e tutti gli altri hanno sbagliato l'inverosimile, attacco e difesa, ma non poteva essere diversamente: era il demone della follia che aveva preso il comando delle operazioni. E' da escludere, invece, un recupero lampo da parte di Luis Alberto.

Ma il Crotone trova lo spunto favorevole con Ceccherini, autore del fallo da rigore, che su un cross anticipa Milinkovic e approfitta della mancata uscita di Strahoska per trovare l'angolino. Ha lavorato bene, fatto intravedere anche bel calcio con una rosa limitata, ma rischia di retrocedere (anche per un paio di torti arbitrali clamorosi subiti nel corso della stagione) e di mettere forse una croce sulla sua carriera. Lazio-Inter non sarà una partita da semplici tre punti, varrà un ingresso diretto in Champions League. Il primo tempo si conclude 1-1. Poi anche qui la decisione finale spetterà a Spalletti. "La Lazio però ha due risultati su tre, può pareggiare, quindi per l'Inter non sarà facile". Il Napoli se avesse vinto contro Fiorentina e Torino avrebbe obbligato la Juve a vincere a Roma e giocato con la Sampdoria in una situazione di assoluto vantaggio.