Reggio Calabria, svuotavano conti correnti di anziani e invalidi: 29 arresti

Reggio Calabria, svuotavano conti correnti di anziani e invalidi: 29 arresti

Prospera Giambalvo
Mag 16, 2018

Un'organizzazione criminale che svuotava conti correnti, è stata sgominata dal comando della provincia reggina: 29 gli arresti portati a termine, tutti facenti parte di due gruppi che rubavano e si appropriavano illecitamente di titoli, buoni fruttiferi, libretti postali e ovviamente soldi dei conti correnti.

Anche con la complicità di direttori e dipendenti di alcuni uffici postali - che venivano per questo pagati o prendevano comunque una percentuale - sono riusciti a svuotare i conti di persone anziane o invalide, riuscendo a metter le mani su centinaia di migliaia di euro. Un'indagine lunghissima, iniziata addirittura nel 2014 e coordinata dalla Procura di Reggio Calabria.

Come funzionava la truffa?

I dipendenti delle Poste attestavano falsamente la paternità dei trasferimenti di denaro e permettevano, con le credenziali di accesso al sistema informatico di Poste italiane, di riciclare il denaro.

Al vaglio dei Carabinieri migliaia di operazioni illecite, eseguite in danno di 45 risparmiatori. Fra gli arrestati, 2 soggetti vicini alle cosche di 'ndrangheta di Siderno e 2 ex direttori di uffici postali della provincia di Reggio Calabria.