Attacco al gas cloro in febbraio a Saraqeb secondo l'Opac

Prospera Giambalvo
Mag 16, 2018

Lo ha reso noto la stessa Opac, senza indicare chi avrebbe usato le armi vietate, ma confermando la presenza di cloro.

Una missione d'inchiesta dell'Opac ha potuto stabilire che "del cloro è stato sprigionato da bombole per impatto meccanico nel quartiere di al Talil, a Saraqeb", città del nordest del Paese. E' successo lo scorso febbraio durante la battaglia che ha permesso all'esercito governativo di riconquistare parti della provincia di Idlib. I primi a denunciare l'uso di armi chimiche su Saraqib sono stati i caschi bianchi della Syria Civil Defence. Questi ultimi presentavano segni e sintomi compatibili con l'esposizione al cloro e ad altre sostanze tossiche. "Tali atti contraddicono il divieto sancito dalla Convenzione sulle armi chimiche".