Grave per encefalite morbillo,no vaccino

Grave per encefalite morbillo,no vaccino

Prospero Rigali
Mag 9, 2018

Nella serata di ieri è stata sottoposta a una risonanza dell'encefalo, risultando negativa: non sono state riscontrate lesioni potenzialmente pericolose sulla 29enne di Racale, ricoverata da giorni presso l'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce, per una encefalite da morbillo. La ventinovenne si trova nel reparto di malattie infettive a causa di un'encefalite da morbillo. Al nosocomio di Lecce la donna è stata trasportata, dato l'aggravarsi delle condizioni, dall'ospedale di Galatina, dove era ricoverata dal 30 aprile.

La donna non era vaccinata, secondo quanto accertato i medici alla lettura delle certificazioni. "Al momento non si parla di pericolo di vita ma bisogna vedere - afferma Alberto Fedele, responsabile del Servizio Igiene e sanità pubblica dell'area Nord dell'Asl di Lecce - come la situazione evolverà. In questi casi non è possibile effettuare una terapia antivirale, i dottori stando provvedendo somministrando emoglobina". La prima dose di vaccino viene somministrata quando un bambino ha soli 13 mesi e la seconda quando ha 5 anni. "Più si va avanti nell'età e più si è a rischio" spiega ancora Fedele.