Vallanzasca, carcere Bollate: chiesta libertà condizionale

Vallanzasca, carcere Bollate: chiesta libertà condizionale

Prospera Giambalvo
Aprile 17, 2018

Renato Vallanzasca ha chiesto ai giudici del tribunale della Sorveglianza di Milano "la liberazione condizionale" o in subordine la "semilibertà", beneficio già ottenuto nell'ottobre 2013 ma poi revocato dopo l'arresto del giugno 2014 per il furto in un supermercato di due paia di boxer, due cesoie e del concime per piante. In aula oggi hanno testimoniato alcuni medici e personale dell'equipe del carcere di Bollate dove Renato Vallanzasca sta scontando la sua pena e hanno riferito che il suo profilo è molto cambiato e migliorato in questi ultimi 4 anni. Episodio che gli è valso una condanna a 10 mesi per tentata rapina impropria e soprattutto il ritorno al regime carcerario. "Ora però noi confidiamo che il Tribunale accolga un'istanza che alla luce di quanto scrive il carcere di Bollate appare del tutto legittima dopo mezzo secolo di carcere".

Nei prossimi giorni, i giudici dovranno decidere se accettare o meno tale richiesta.