Tito Boeri:

Tito Boeri: "Ho suggerito a Fico come risparmiare, nessuna risposta"

Prospera Giambalvo
Aprile 16, 2018

Ho segnalato ai questori i privilegi rappresentati dal versamento degli oneri figurativi. Il presidente dell'Inps Tito Boeri, ospite di Lucia Annunziata su Rai Tre, ha spiegato "non ci sono solo i vitalizi" ma soperattutto ci sono "gli oneri figurativi che costano e basta". Che dopo aver chiesto invano, alla passata legislatura, i dati sui contributi effettivamente pagati dai parlamentari, ora attende un passo avanti dal nuovo parlamento, con una lettera già recapitata al presidente della Camera Roberto Fico da cui attende risposta.

Abolire la Fornero costerebbe 15 miliardi e porterebbe iniquità. Se un parlamentare era prima un lavoratore dipendente, durante il mandato alla Camera o al Senato, l'Inps gli deve versare i contributi datoriali: "si tratta di circa il 24% della loro retribuzione, che in alcuni casi l'Inps ha versato per 20 o 30 anni". Ancora più costoso sarebbe passare alla cosiddetta quota 100 ipotizzata dal centrodestra, che peserebbe sulle casse dell'Inps per 105 miliardi. Ma Boeri non si è tirato indietro rispetto alla sfida lanciata dai nuovi partiti maggioritari in parlamento, specie i 5 Stelle, sul fronte dei privilegi della politica. Si aggiungono ai vitalizi e sono trattamenti molto di favore. Secondo quanto riporta l'Huffington Post, Boeri ha anche spiegato di aver scritto all'Ufficio di Presidenza della Camera per sollecitare un intervento sul tema, senza però ricevere nemmeno una risposta. Sarebbero passi avanti ben visti dal presidente dell'Inps. Il reddito di cittadinanza, a chiunque ed a prescindere dal proprio patrimonio, rappresenterebbe certamente un danno per il paese.