Lega-M5S, torna l'asse Salvini-Di Maio. Una telefonata sblocca la Camera

Lega-M5S, torna l'asse Salvini-Di Maio. Una telefonata sblocca la Camera

Prospero Rigali
Aprile 16, 2018

Intanto Matteo Salvini della Lega si dice pronto a dialogare con tutti, eccezion fatta del Pd: "Deve essere chiaro a tutti che l'unica alternativa al Pd è la Lega: agli alleati di Forza Italia deve essere chiaro una volta per tutti che siamo radicalmente alternativi alla sinistra". Ma di che cosa sui lamenta? Quindi sembra probabile che Di Maio o Salvini possano ottenere l'incarico di formare il governo. Al Senato, l'organo è presieduto da Vito Crimi, senatore M5s, mentre per la carica omologa alla Camera i pentastellati avevano espresso la volontà di convergere su un nome della Lega nord, e le indiscrezioni danno come favorito il leghista Nicola Molteni (fino a martedì, il favorito era Giancarlo Giorgetti). "Domani come centrodestra unito andremo al Colle dal presidente Mattarella". Verranno discussi i diritti sulle pensioni, tema che negli ultimi anni ha fatto parlare molti lavoratori; si porranno questioni sulle distribuzioni assicurative e sulla sistemazione degli uffici del ministero dell'Interno; saranno esaminati testi sui lavoratori marittimi e verranno analizzate le politiche sugli armamenti e sul turismo; il tema "ambiente" verrà discusso a fondo, cercando di trovare soluzioni per combattere l'inquinamento; verrà lasciato spazio anche ad analisi su sicurezza pubblica (uso dei dati PnR) e informatica, alle politiche che controllano le aziende sotto sequestro e sul ruolo degli amministratori giudiziari.

Sembrerebbe una spigolatura buona solo per i topi d'Aula, ma non lo è. Lo ha detto il ministro della Giustizia uscente, Andrea Orlando, intervenendo a Radio Anch'io, la trasmissione radiofonica in onda su Rai Radio1. Quanto ai dem, nonostante il fronte del dialogo con il M5s cresca, le prospettive per un'apertura non sono mature. Di fatto sia da Lega sia dal M5s arriverà, in forme e modi diversi, una sostanziale richiesta di avere ancora tempo. Oggi partirà anche il secondo giro di consultazioni.