Due neri arrestati da Starbucks, bufera sul colosso del caffè

Due neri arrestati da Starbucks, bufera sul colosso del caffè

Bruto Chiappetta
Aprile 16, 2018

Ancora un grave episodio di razzismo negli Usa. A chiamare la polizia un dipendente, irritato dal fatto che i due giovani non ordinavano nulla e, invitati a uscire, si sono rifiutati. L'accusa di "discriminazione" e comportamento "razzista" ha spinto il ceo del colosso, Johnson, a pubblicare le scuse.

I due clienti sono poi stati rilasciati per "assenza di prove". "Stiamo rivalutando le nostre politiche e continueremo a impegnarci con la comunità e il dipartimento di polizia affinché questo genere di situazioni non avvengano più nei nostri negozi" ha scritto Starbucks sui social. Due persone - entrambi afroamericani - sono entrati in una delle caffetterie Starbucks di Philadelphia; ma il personale ha chiamato la Polizia, che è arrivata ed ha arrestato i due, senza che ci fosse alcun motivo.