Kiran Maccali, ex gieffino arrestato. L'accusa: "Molestie alla ex"

Prospera Giambalvo
Aprile 15, 2018

Il ragazzo, oggi 31enne, era stato condannato in primo grado a otto mesi di reclusione per oltraggio, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali e danneggiamento aggravato. E, in attesa della sentenza definitiva, già da qualche mese era sottoposto all'obbligo di dimora. Non solo comportandosi come uno stalker, ma anche violando tutti gli obblighi.

E' scattata quindi l'ordinanza di aggravamento di misura, con l'ordine quindi di portare in carcere l'uomo.

Maccali, 31 anni, è stato arrestato perché accusato di aver importunato e minacciato l'ex fidanzata, presentandosi più volte davanti a casa di quest'ultima, nel Bresciano, nonostante fosse sottoposto all'obbligo di dimora nella sua casa di Romano di Lombardia (Bergamo).

Non poteva muoversi dalla sua abitazione di Romano di Lombardia in quanto da gennaio si trova agli arresti domiciliari, eppure si è recato sotto casa della sua ex, nella nostra provincia, per minacciarla. La Corte d'Appello di Brescia nel relativo provvedimento giustifica l'applicazione del carcere a causa della mancanza di "capacità autocustodiale" da parte dell'imputato.