Accolto il ricorso, liberato Miro

Accolto il ricorso, liberato Miro "arrestato" perchè abbaiava troppo

Bruto Chiappetta
Aprile 13, 2018

Trento - Torna a casa Miro, il pastore maremmano finito in un canile di Rovereto perché abbaiava troppo. Miro era stato sequestrato alla famiglia Munter, a Roverè della Luna in provincia di Trento, su disposizione del tribunale. La coppia si è difesa dicendo che il vicino è a 300 metri di distanza e che nessuno, oltre a lui, si era lamentato.

Il ricorso presentato dall'avvocata Cecilia Venturini di Riva del Garda è stato ora accolto dal tribunale del riesame, che ha firmato l'autorizzazione al dissequestro. E poi basta guardare il sorriso di Miro... Il sequestro e la reclusione di Miro non ha lasciato insensibile il popolo del web. Infatti l'avvocato ha raccolto numerose testimonianze di vicini che contraddicono le dichiarazioni del querelante, oltre alla testimonianza del proprietario del canile che ha affermato che si tratta di un cane molto tranquillo, che abbaia solo se sollecitato. In attesa dei due processi si tratterà di far star zitti anche tutti i cani della zona.

La famiglia Munter, riporta la Repubblica, si è comunque impegnata formalmente a tenere il cane chiuso in casa durante la notte, per evitare qualsiasi tipo di disturbo.