Serie B - Perugia, sbagliò a pronunciare il nome di Astori. Speaker licenziato

Serie B - Perugia, sbagliò a pronunciare il nome di Astori. Speaker licenziato

Minervino Buccola
Marzo 21, 2018

Lo scorso 6 marzo, allo stadio Renato Curi, andava in scena Perugia-Brescia.

Davide Astori se n'è appena andato via, tragicamente scomparso nella notte del 4 marzo mentre era in una camera d'albergo in ritiro con la sua Fiorentina. Grande commozione collettiva per la scomparsa del calciatore viola, con tutto lo stadio pronto ad osservare con grande rispetto il minuto di raccoglimento in sua memoria. Il motivo? Aver sbagliato il nome di Davide Astori, pronunciato per due volte come "Astolfi".

Sarà stata l'emozione, la concitazione del momento, un errore di trascrizione del nome, fatto stà che l'errore non è passato inosservato, con molti giocatori e anche spettatori sugli spalti a fare delle facce perplesse all'annuncio del nome. Sì, perché lo speaker è stato immediatamente sospeso e poi licenziato dal presidente del Perugia, Massimiliano Santopadre. Innervosito dalla figuraccia fatta dal club, infatti, dopo alcune riunioni societarie ha deciso di licenziare lo speaker dello stadio.

Un giornalista, uno speaker radiofonico o un conduttore televisivo non è una macchina e talvolta può sbagliare.

Un errore ovviamente involontario, ma molto grave, che ha spinto la società di casa a prendere provvedimenti.