Trump blocca operazione Broadcom-Qualcomm, è mossa anti-Cina

Trump blocca operazione Broadcom-Qualcomm, è mossa anti-Cina

Bruto Chiappetta
Marzo 13, 2018

L'acquisizione di Qualcomm - specializzata nello sviluppo di tecnologia per semiconduttori - da parte di Broadcom - con base a Singapore - non ci sarà almeno per il momento, eppure dietro la tutela della sicurezza potrebbero celarsi motivazioni ed esigenze economiche ancor più profonde.

Broadcom forse si aspettava l'intervento a gamba tesa di Trump e, stando a quanto riportato da Bloomberg, è attualmente impegnata nel processo di spostare il proprio quartier generale da Singapore agli Stati Uniti - l'operazione si concluderà il 3 aprile. Ecco cosa ha in mente di fare Intel che si compra in un sol boccone Broadcom che a sua volta si vuole comprare Qualcomm. L'ordine firmato dal presidente americano non si limita a vietare la fusione ma evidenzia che le persone appoggiate dalla società di Singapore pronte ad entrare nel consiglio di amministrazione di Qualcomm non potranno essere elette. Broadcom allora aveva alzato l'offerta a 120 miliardi mettendo la clausola secondo cui, in caso di osteggiamento dalle autorità avrebbe pagato a Qualcomm 8 miliardi, e nel frattempo aveva però proposto un suo gruppo di candidati alla dirigenza Qualcomm.

Quel che è chiaro oggi, a poche ore dall'annuncio, è che la mossa di Donald Trump ha bloccato la più grande fusione della storia del settore. Lo spostamento della sede di Broadcom non aveva rassicurato il Comitato per gli investimenti esteri degli Stati Uniti che nelle scorse settimane aveva già lasciato intendere che non vedeva di buon occhio l'acquisizione perché Broadcom avrebbe potuto tagliare i fondi in ricerca e sviluppo per focalizzarsi sulla profittabilità a breve termine.

Per questo Trump ha deciso di accogliere la raccomandazione del Committee on foreign investment americano, un panel che monitora gli investimenti stranieri negli Usa e che in passato ha bloccato vari takeover di società americane da parte di gruppi stranieri. Un'eventuale offerta di Intel per Broadcom sarebbe nell'ordine di decine di miliardi, con Broadcom cha ha una capitalizzazione di mercato di 104 miliardi di dollari. La mossa di Trump, motivata con preoccupazioni legate alla sicurezza nazionale, è stata annunciata dopo che il numero uno di Broadcom, Hock Tan, si è incontrato con alcuni alti responsabili del Pentagono, nell'ultimo tentativo di dissuadere l'amministrazione Trump.