Diritti tv, parla Pugnalin:

Diritti tv, parla Pugnalin: "Gli abbonati Sky non resteranno senza Serie A"

Minervino Buccola
Febbraio 14, 2018

Molti operatori, sia italiani che stranieri, si sono inseriti nel business delle pay tv ma hanno raccolto frutti negativi. Secondo le recenti indiscrezioni, infatti, sia Sky che Mediaset non intendono mollare l'osso e si sono messe al lavoro al fine di riuscire a trovare un nuovo accordo con MediaPro.

La polemica sui diritti tv non si calma e dopo l'apertura delle buste e la decisione di accogliere la proposta di Mediapro, Sky ha deciso di far partire la diffida alla Lega. "Indipendentemente da tutto questo, la Serie A sarà sempre visibile su Sky".

Sky, allora, non dovrebbe, stando alle sue parole, perdere la possibilità di trasmettere le prossime stagioni: "La Lega Serie A ha ritenuto congrua l'offerta di Mediapro ma prima di prendere questa scelta ha sottoposto l'offerta all'autorizzazione delle Autorità di garanzia; dopodiché toccherà all'Assemblea della Lega. Ricordiamo che il calcio italiano è ancora basato pressoché esclusivamente sui diritti tv che da soli non sorreggono più il sistema". Sul futuro però il gruppo si è disponibile a collaborare con gli spangoli di Mediapro: "La nostra azienda opera comprando diritti".

Soltanto pochi giorni fa vi abbiamo raccontato dell'acquisto da parte di Mediapro dei diritti tv della Serie A, raccontandovi anche scenari futuri e possibili problematiche. L'idea è gli spagnoli potrebbero aver fatto il passo più lungo della gamba: "Mediapro dovrà presentare le adeguate garanzie finanziarie come da regolamento del bando stesso" e prepararsi per il "terzo bando", ovvero quando inizierà la vendita dei diritti. "Ci aspettiamo il 'Terzo Bando': Mediapro è un broker di diritti, quindi dovrà proporsi ai diversi broadcaster". Secondo Pugnalin è impossibile che Sky rimanga senza calcio: "Perché mai Sky dovrà restare senza i diritti di Serie A?". Una grande azienda deve sempre avere un piano B. Ma se le regole saranno uguali per tutti, questo non servirà.

"Dopo mesi di trattative non sono mancate le espressioni pittoresche - ha affermato l'executive vice-president di Sky -, ma bisogna rendersi conto che certi discorsi sono poco aderenti alla realtà dei fatti".

Alla fine i tifosi dove e come vedranno il campionato di Serie A dal prossimo anno?

Sky rassicura tutti i propri abbonati: la Serie A potranno continuare a vederla sulla loro piattaforma.