Premium - Inzaghi a Felipe Anderson:

Premium - Inzaghi a Felipe Anderson: "Tu con me non giochi più"

Minervino Buccola
Febbraio 12, 2018

Due sconfitte di fila e la voglia di ripartire il prima possibile.

Inzaghi ha dimostrato di essere un signor allenatore e penso che sia entrato nel cuore dei tifosi come allenatore anche piu di quando era attaccante nella Lazio dei fasti cragnottiani. Orgoglio e carattere, gli stessi che dovrà usare l'ala brasiliana per recuperare il posto in rosa nelle prossime settimane. Ha tantissime qualità". Nel pomeriggio è arrivata la risposta da parte dell'entourage del brasiliano pubblicata sul profilo Facebook ufficiale del giocatore: "Vorremmo chiarire che la sorella e rappresentante di Felipe Anderson, Juliana Gomes, non ha incontrato la Lazio negli ultimi giorni per trattare questioni relative alla quotidianità dell'atleta. Normale che quando si perda una partita, ci siano un po' di malumori. Sa quello che deve fare, l'ho sempre fatto giocare ma dovrà avere un altro atteggiamento. "Dopo la sosta abbiamo giocato cinque partite". Da qui a dire che la Lazio sia in crisi ce ne passa. Affrontiamo la prima in classifica, ci vuole lucidità, loro hanno fatto 60 punti su 69 e sono meritatamente in testa. "Ma da lì partì il nostro cammino delle 9 vittorie consecutive". "Speriamo stavolta di avere tutti i giocatori al 150%". Mertens è in dubbio tra i partenopei: "Sarebbe un vantaggio se non ci fosse Mertens". Ho preferito dare il giorno libero dopo il Genoa perché venivamo da un tour de force ed era importante staccare un po' la spina. Il calciatore non è stato convocato per la sfida di domani sera, il big match della 24esima giornata contro il Napoli allo stadio San Paolo. Lasceremo qui, invece, Pedro Neto che domani giocherà con la Primavera. "Anderson non convocato, è una scelta tecnica".

Il club ha provato a sminuire l'accaduto, parlando di confronto civile e nelle logiche di uno spogliatoio. E allora come mai il brasiliano, che nella scorsa stagione ha fatto bene, appare parecchio in difficoltà? Stiamo cercando dei correttivi. "Se non gioca domani, penso che lo farà a Bucarest". Si è parlato tanto dopo una sconfitta e dovremo esser bravi noi a riscattarci: ho detto alla squadra di far bene perché le aspettative si sono alzate. Solo in Liga, sette anni fa, Barcellona e Real hanno fatto punteggi del genere.