Oxfam, lo scandalo sessuale si allarga

Oxfam, lo scandalo sessuale si allarga

Prospera Giambalvo
Febbraio 12, 2018

Il Times, che ha scoperchiato per primo la vicenda, allarga oggi l'obiettivo, riferendo che nel 2017 la stessa Oxfam sarebbe stata coinvolta in 87 episodi di comportamento improprio di suo personale in missione all'estero (53 dei quali denunciati alla polizia e con 20 addetti silurati), Save the Children in 31 (10 dei quali denunciati) e Christian Aid in due.

Nella sua inchiesta, il Times racconta che ad Haiti giovani prostitute sarebbero state ingaggiate per partecipare a "orge" negli alloggi e negli hotel "pagati dalla Ong", citando una fonte che sostiene di aver visionato le immagini di una di quelle serate, dove le prostitute "indossavano t-shit di Oxfam".

Secondo un'inchiesta pubblicata in prima pagina dal britannico Times, la celebre ong avrebbe insabbiato le responsabilità dei suoi operatori, anche a livello dirigenziale, che avevano frequentato dopo il terremoto di Haiti nel 2010 un sordido giro di prostitute sull'isola, coinvolgendo forse anche ragazzine. E perfino la Croce Rossa britannica ammette 5 casi di sospette molestie sessuali avvenute nel Regno Unito. Dopo la Chiesa e Hollywood, la società britannica più rispettabile viene sommersa da accuse infamanti: molte Ong, che hanno a Londra il loro quartier generale, finiscono nel mirino.

Ma l'ammissione non sembra abbastanza, come segnalano le parole della ministra della Cooperazione Internazionale, dicastero da cui la Oxfam ha ricevuto lo scorso anno 32 milioni di sterline di finanziamenti pubblici. Uno scandalo aggravato da accuse di 'cover up' alla Oxfam, sospettata di avere tenute nascoste le dimissioni dei funzionari coinvolti, alcuni dei quali hanno così potuto trovare di nuovo lavoro presso altre agenzie umanitarie. Definisce "vergognosi" i comportamenti di "una piccola parte" dei suoi volontari. E che attende rassicurazioni in un incontro fissato per domani, pena la confermata minaccia d'un taglio dei fondi.

Dopo le inchieste italiane che hanno fatto emergere irregolarità delle Onlus che solcano i mari e si occupano del trasbordo dei migranti sul suolo italiano, emergono altre vicende che gettano un'ombra sinistra sulle attività di queste associazioni.