Unipol, 2017 in perdita per 169 mln, dividendo a 0,18 cent

Bruto Chiappetta
Febbraio 9, 2018

Il piano ha infatti comportato la rilevazione di cospicui *adeguamenti delle coperture dei crediti deteriorati di Unipol Banca, che hanno impattato negativamente per 112 milioni di euro su UnipolSai.

La raccolta diretta assicurativa si porta a 11,1 miliardi di euro (12,5 miliardi di euro nel 2016), con il ramo danni a 7,4 miliardi di euro (+ 1,9%) e il ramo vita a 3,7 miliardi di euro (-29,7%). L'indice di solvibilità consolidato al 31 dicembre 2017 basato sul Capitale Economico è pari al 206% del capitale richiesto (212% al 31 dicembre 2016).

Il cda ha autorizzato l'emissione entro fine anno di un bond subordinato di livello 2 (Tier 2) dell'importo massimo di 500 milioni.

Escludendo gli effetti one-off relativi al piano di ristrutturazione del comparto bancario, informa una nota, il Gruppo Unipol ha chiuso l'esercizio 2017 con un utile netto consolidato di 655 milioni in sensibile crescita rispetto ai 535 milioni dell'esercizio precedente, grazie in particolare al miglior contributo della gestione finanziaria. I risultati preliminari consolidati sono stati analizzati dal consiglio di amministrazione, che si è riunito sotto la presidenza di Pierluigi Stefanini.

Le risultanze contabili individuali della Compagnia, ancora preliminari, consentono di stimare un utile di esercizio al 31 dicembre 2017 di circa 577 milioni di euro. Per il bilancio civilistico viene stmato un utile netto di 213 milioni per il 2017: per questo verra' proposto all'assemblea dei soci del prossimo 24 aprile, un dividendo di 0,18 euro per azione.