Lippi:

Lippi: "Scudetto? Sfida aperta. Juve attrezzata per vincere tutto, ma il Napoli…"

Minervino Buccola
Febbraio 9, 2018

Allenando da quarant'anni so com'è difficile far giocare bene ed è notevole che Sarri ci sia riuscito così presto.

Le schermaglie sul bel gioco: "Sono cose che succedono da sempre, botta e risposta che coinvolgono tutti, dai presidenti ai ds: si fa tutto per dare fastidio ai rivali. Però ha un ruolino di marcia straordinario in trasferta, pertanto la candidatura del Napoli è autorevolissima".

Alla fine del campionato il raggiungimento o il mancato primato in classifica potrebbe avere ripercussioni pesanti sul morale delle due squadre: "Psicologicamente sarebbe più dura se non ce la facesse per il Napoli". I punti di vista sono differenti. La sfida è aperta, ma per il Napoli perderlo sarebbe un brutto colpo. C'è chi ha già dimostrato il suo valore, come Conte.

Ma non poteva di certo mancare un commento sulla nazionale italiana e l'esclusione dal prossimo Mondiale in Russia: "Ora rosichiamo ma qualunque altra nazionale metterebbe la firma per raggiungerei i nostri risultati: 4 vittorie e solo 2 mancate partecipazioni, non sono un risultato negativo".

"Era il momento di cambiare e Allegri l'ha fatto - afferma Marcello Lippi - Da quanto la Juve quasi non prende gol?"

La leggenda Marcello Lippi, commissario tecnico che ha riportato l'Italia sul tetto del mondo nella famosa estate del 2006, ha parlato questa mattina ai microfoni de La Gazzetta dello Sport, affrontando svariati argomenti. "Riguardo alle frasi di Spalletti ai tifosi, mi sembra non ci sia niente di nuovo".