Falso allarme missilistico arriva sui telefonini alle Hawaii

Falso allarme missilistico arriva sui telefonini alle Hawaii

Prospera Giambalvo
Gennaio 13, 2018

L'allerta, che sarebbe arrivato per errore ad alcuni utenti di telefonia cellulare, recita: "BALLISTIC MISSILE THREAT INBOUND TO HAWAII. Non c'è nessuna minaccia contro lo stato delle Hawaii" ha dichiarato, ancora online, il dipartimento di polizia di Honolulu.

Ma pochi minuti dopo è arrivata la smentita da parte del rappresentante democratico Usa Tulsi Gabbard, via Twitter, ha definito "falso" l'allarme. Il messaggio è stato ricevuto dagli smartphone e trasmesso anche in televisione. L'impatto del missile, sulla terra o in mare, e questione di minuti. "Cercare rifugio immediato. Questa non è un'esercitazione", si leggeva nel messaggio, tutto in lettere maiuscole. "Minaccia missilistica balistica in entrata alle Hawaii. Se state guidando accostatevi al lato della strada e restateci e cercate riparo in un edificio e sdraiatevi sul pavimento". Quasi 40 minuti, un'eternità di puro panico e paura.

Ancora da chiarire le cause dell'errore. In ogni caso, la "gaffe" è forse qualcosa di più in questo caso, per gli Stati Uniti di Donald Trump che da un anno fa a gara con il dittatore Nordcoreano Kim Jong-un a chi la spara più grossa ("Il mio bottone nucleare è più grande del tuo", il tweet più recent di Trump) negli scambi di insulti e minacce.

"Un missile balistico si sta dirigendo verso l'arcipelago, mettersi immediatamente al riparo".