Dramma nel casertano: cadavere sui binari

Prospera Giambalvo
Gennaio 13, 2018

Un operaio è stato rinvenuto decapitato sui binari delle stazioni ferroviarie di Sparanise e Pignataro Maggiore.

A poche centinaia di metri dalla stazione dello scalo ferroviario infatti è stato ritrovato il cadavere di Pasquale De Biasio, 42enne di Calvi Risorta, provincia di Caserta. Secondo quanto riportato dal Mattino, è stato il macchinista di un treno a notare il corpo senza vita sui binari.

Accorsa sul posto, la squadra mobile di Caserta ha proceduto ai primi accertamenti sul cadavere, dilaniato e senza testa.

Ancora non si conoscono le generalità del defunto, né quali siano state le dinamiche del dramma. La dinamica dell'incidente è tutt'altro che chiara e gli investigatori stanno prendendo in considerazione entrambe le ipotesi: suicidio e omicidio. A destare sospetti alcuni elementi emersi dal luogo della tragedia: uno di questi sarebbe la scarsa quantità di sangue presente sulle rotaie.

Il transito è stato sospeso, provocando disagi tra i pendolari che utilizzano la tratta per recarsi a lavoro o per seguire le lezioni. L'auto della vittima si trovava parcheggiata in una strada provinciale accanto ai binari ed è anch'essa interessata dalle indagini; De Biasio lavorava come operario e viveva nella frazione di Calvi, Risorta Visciano, dove in tanti non si capacitano della sua morte.