Cani in ufficio: la proposta di Serafini scatena i commenti del web

Cani in ufficio: la proposta di Serafini scatena i commenti del web

Bruto Chiappetta
Gennaio 12, 2018

È questo che la responsabile dell'assessorato alla Cultura del Comune di Genova, Elisa Serafini, ha consentito ai dipendenti del suo ufficio di portare il proprio cane al lavoro.

"Molte perplessità" manifesta anche Claudio Musicò, del Diccap: "È un'iniziativa che andrebbe regolamentata, perché può avere conseguenze inaspettate" osserva, e Luciano Aresu, di Uil Fp, la giudica "un'iniziativa inopportuna, anche perché quando sono in ufficio i dipendenti devono lavorare e non occuparsi dei cani". Grazie alla modifica di alcune regole interne, ora, gli amici a quattro zampe possono entrare negli uffici di Palazzo Ducale in orario di lavoro.

Una misura, quella dei cani nel posto di lavoro, che secondo la Serafini "migliora il clima tra colleghi e induce le persone a non correre a casa per portar fuori il cane". "Noi non vogliamo imporre niente, se un solo dipendente di un ufficio, perche ha paura, è allergico o non ama i cani, è contrario il cane non entra", ribatte l'assessore. "Si tratta di un nuovo approccio, una nuova declinazione del vivere con il cane - ha detto ancora la Serafini - Rendere più semplice la vita di chi adotta i cani o gli animali in generale porterà maggiore motivazione all'adozione. Inoltre, è stata creata una policy dedicata, che stabilisce regole e procedure condivise". L'assessore si è poi soffermata sul bisogno di sottrarre l'animalismo all'arena politica per farne un fatto culturale, ricordando che "in Comune a Genova c'è un intergruppo formato da persone con diverse sensibilità e di partiti diversi che si fanno portavoce dei diritti degli animali". Ma questa possibilità deve essere ben disciplinata e ben gestita, altrimenti crea problemi agli animali e alle persone. "In Gran Bretagna e in Francia hanno gli "office dog parking" - spiega D'Angelo - Quella è una situazione ottimale, il padrone può stare con lui nella pausa". Ma se il cane sta in ufficio, possono esserci problemi con i colleghi.