Atalanta in semifinale, Napoli ko 1-2 al San Paolo

Atalanta in semifinale, Napoli ko 1-2 al San Paolo

Minervino Buccola
Gennaio 12, 2018

Nel secondo tempo abbiamo concesso troppo in termini di applicazione ed attenzione ad una squadra che ci infastidisce anche quando giochiamo al 100%.

Una vittoria meritata quella dei bergamaschi, con Gasperini che si conferma bestia nera degli azzurri: anche lo scorso anno i nerazzurri erano passati qui, con un secco un 2-0 in campionato. Contraccolpi dopo il ko con la Juve? Non può e non deve tuttavia rappresentare una scusa, semplicemente una spiegazione ad una prestazione scialba e sotto tono, condizionata tra le altre cose da un'Atalanta che, come al solito, mette a nudo tutte le difficoltà dei partenopei in fase di impostazione della manovra contro le squadre fisiche ed intense in pressione. Gomez sfonda dalla sinistra e crossa per Cornelius, Mario Rui ribatte la conclusione del danese ma Castagne si ritrova il pallone fra i piedi e da pochi passi buca Sepe di forza. "Non concedono tanto. Se a Bergamo non giocheremo al 100% avremo problemi".

Il Napoli non riesce ad alzare il ritmo, Gasperini inserisce Ilicic per Cristante e a 10' dalla fine trova il raddoppio, ancora su contropiede: Palomino pesca lunghissimo Gomez a sinistra che si beve ancora Chiriches in velocità e batte Sepe da posizione molto defilata.

Sul calendario, svolta per il campionato, ridurre le squadre di serie A: "A me non piace questo discorso della riduzione delle squadre". Si dovrebbe fare un discorso a parte anche per le Nazionali. La possibilità forte sarebbe invece ridurre le partite delle nazionali, le quattro pause, facendo finire i campionati ad aprile e facendo giocare un mese e mezzo le nazionali. E' anacronistico che un giocatore pagato dalle società vada in giro per giocare con Cipro, Far Oer, con tutto il rispetto. La verità sta nelle circostanze accadute in questa stagione: gli infortuni di Faouzi Ghoulam ed Arkadiusz Milik hanno privato Sarri di due risorse cruciali per la qualità delle rotazioni. "Si sta parlando di scelte individuali sulle quali e' anche difficile entrare, scelte assolutamente personali".